Accedi / Registrati

L' Archivio personale di Lello Lombardi

è depositato presso l' Archivio Centrale dello Stato 

E' attualmente in corso di attuazione il progetto di digitalizzazione di parte del fondo archivistico con il contributo di fondi PNRR

 

Tra gli obiettivi che la Fondazione Lello Lombardi  si prefigge, vi è quello  di promuovere e favorire le attività di studio, ricerca, formazione e divulgazione delle conoscenze   sull’evoluzione della storia politica italiana  nel periodo  che va dal secondo dopoguerra ad oggi.

Per realizzare ciò intende  mettere a disposizione degli studiosi  la  documentazione e le pubblicazioni prodotte e raccolte da Lello Lombardi e da coloro che con lui hanno condiviso l'impegno e le singole iniziative,  nel corso dell’ attività politica svolta nelle istituzioni provinciali , regionali , parlamentari e governative, oltreché nel partito dei  democratici cristiani, per circa 50 anni di vita pubblica,  nell’arco di tempo  che va dal 1943 ai primi anni ‘90, senza tuttavia trascurare il periodo  successivo, fino al 2013 , dedicato prevalentemente alle riflessioni sulla crisi del sistema politico.

La documentazione disponibile necessitava di un riordino, anche perché la tipologia è varia,  essendo costituita  solo  in parte da pubblicazioni monotematiche e  articoli su riviste,  ma anche da volumi, atti parlamentari , giornali, ritagli di giornale  e materiali di studio utilizzati quale strumento preparatorio di lavoro, che acquistano rilevanza ove congiunti con il documento finale prodotto.

Già nel 2016 la Soprintendenza Archivistica dell’Abruzzo e del Molise  aveva dichiarato l'archivio personale di Lello Lombardi  “di interesse storico particolarmente importante”.

Nel 2018  il Ministero dei Beni Culturali ha approvato il progetto di riordino e inventariazione con il coordinamento della Soprintendenza Archivistica del Lazio, poi integrato nel 2020.

Nell'ottica di una più ampia valorizzazione, dal dicembre 2018 l’archivio personale di Lello Lombardi è stato  accolto in deposito dall’Archivio Centrale dello Stato, che conserva circa duecentocinquanta archivi personali di eminenti personalità del mondo della cultura e della politica.

Nell' ambito dei documenti selezionati per la mostra permanente "Lo scrigno della memoria", inaugurata dal Ministro della Cultura nel 2023 presso l'Archivio Centrale dello Stato, dedicata a 150 anni della  storia d'Italia, è esposto uno dei documenti dell'archivio di Lello Lombardi, l'unico esemplare esistente di Libertas del 5 marzo 1946, il giornale della Gioventù Democristiana del Molise, di cui era direttore l'allora diciassettenne Lello Lombardi.

Un'ulteriore iniziativa di valorizzazione è stata avviata con la collana edita dalla Rubbettino editore, dedicata agli "Scritti e discorsi politici di Lello Lombardi", i cui volumi sono caratterizzati da una ricca appendice documentaria, preceduta da un saggio curato da uno storico esperto in storia contemporanea . 

Successive  iniziative di valorizzazione saranno realizzate secondo linee concertate tra l’Archivio centrale dello Stato e la Fondazione Lello Lombardi.

In tale contesto,  saranno anche individuati possibili percorsi di ricerca sulle fonti archivistiche conservate dallo stesso Archivio Centrale, che possano evidenziare l’intensa attività politica e professionale del Senatore Lombardi e i rapporti intrattenuti con eminenti personalità.

Gli esiti di tale lavoro potranno fornire materiali anche per  guide  tematiche o per edizioni critiche di carteggi, contributi fondamentali per l’approfondimento delle conoscenze storiche relative alla storia istituzionale dell'Italia repubblicana.

Quando il lavoro di digitalizzazione sarà ultimato, l’inventario sarà  presentato al pubblico e sarà reso disponibile agli studiosi presso l'Archivio centrale dello Stato.

Al momento su questo sito sono già disponibili numerosi articoli, pubblicazioni, interventi e interviste, documenti scritti e multimediali da cui si evince  il pensiero politico di Lello Lombardi e sono stati pubblicati  i volumi dedicati al Piano per gli atenei meridionali e alla nascita dell'Università del Molise, oltrechè agli Scritti giovanili.

 

 

Ricerca nel sito

Copyright e Diritti di Riproduzione

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta di Fondazione Lello Lombardi.